Vai al contenuto


Foto

Mycena albidoaquosa


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
Nessuna risposta a questa discussione

#1 MSN-VE

MSN-VE

    SVM - MSN

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 191 messaggi

Inviato 08 dicembre 2008 - 00:34

SOCIETAĺ VENEZIANA di MICOLOGIA scheda n. 960
ERBARIO MICOLOGICO DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VENEZIA


Mycena albidoaquosa Robich, Beitrńge zur Kenntnis der Pilze Mitteleuropas, Band XIV: 127. 2005.


Etimologia: in riferimento al colore bianco (albus) e bianco acquoso (aquosus) del cappello e del gambo.

Descrizione macroscopica
Cappello largo 3-9 mm, conico, conico-campanulato, emisferico, glabrescente, striato per trasparenza; bianco soffuso di grigio, centro acquoso, bianco acquoso o bianco, margine bianco. Lamelle 15-20 con lamellule (1 L = 1-2 lam.), spaziate, alcune un poco larghe, ascendenti, in alcuni esemplari si restringono in alto in vicinanza del gambo formando una specie di pseudocollarium; adnate o decorrenti per un piccolo dentino; bianco isabellino nella zona dorsale, per la rimanente parte bianca con orlo bianco.
Carne bianca, acquosa sotto la cuticola; odore nullo o debolmente nitroso, sapore nullo.
Gambo 0,3-0,5 x 22-55 mm, uniforme, cavo, flessuoso, lucente, glabrescente-pruinoso con pruina bianca; in alto bianco poi bianco acquoso, acquoso, grigio acquoso chiaro; base non radicante con peli biancastri.
Habitat: gregari su aghi (Picea) al suolo in decomposizione, sia su singoli aghi, sia su pi¨ aghi fra loro conglobati.

Descrizione microscopica
Spore (A) 4-4,5 x 8,5-10 Ám, da ellissoidali-cilindriche a subcilindriche, leggermente ristrette nella zona apiculare, sullĺorlo della lamella sono unite in piccoli gruppi con materia glutinosa, amiloidi.
Basidi (B) 7,5-8 x 20-22 Ám, 4-sp., claviformi.
Cheilocistidi ę 7,5-18 x 12-30 Ám, clavati, globoso-peduncolati, alcuni subcilindrici, pi¨ o meno coperti superiormente di escrescenze digitaliformi semplici, flessuose, ramificate, oppure irregolari ed ingrossate, 1,5-5 x 2-15 Ám, distribuiti sullĺintero orlo della lamella.
Pleurocistidi non osservati.
Epicute (D) formata da ife cilindriformi, larghe 5-15 Ám, gialle in Melzer, fittamente coperte di diverticoli semplici, flessuosi e ramificati, numerosi simili a grosse escrescenze, 1,5-3 x 2-20 Ám. Ife della trama del cappello globose e globoso-allungate, larghe fino a 70 Ám ed altre vescicolose ma meno larghe. Ife delle lamelle globose e globoso-allungate larghe fino a 60 Ám, altre vescicolose, larghe fino a 50 Ám. Ife sottoimeniali globose e globoso-allungate, 2-5 x 3-8 Ám.
Ife del gambo cilindriche, metacromatiche (viola): interne larghe fino a 34 Ám, pseudoamiloidi (vinoso e bruno vinoso); esterne larghe 1-6 Ám, gialle in Melzer, coperte di escrescenze sottili, semplici, curve, 1 x 1-5 Ám, terminano in elementi (E) poco ingrossati, 3-8 x 20-90 Ám, anche questi coperti di escrescenze come le ife del gambo. Numerosi elementi flessuosi (F) simili a peli, con parete sottile, larghi alla base 2-4 Ám e lunghi fino a 280 Ám, isolati oppure molto vicini fra loro
ma non uniti in ciuffi, si osservano su ife sottili, lisce o parzialmente coperte di escrescenze, che si trovano immediatamente sotto le ife esterne del gambo. Ife delle trame del cappello e della lamella pseudoamiloidi (vinoso e bruno-vinoso).
Giunti a fibbia presenti.

Note
Il substrato di crescita delle entitÓ della sez. Polyadelphia Ŕ piuttosto vario, foglie, ramoscelli, residui legnosi (Alnus, Carex, Fagus, Juncus, Quercus), sfagno, steli erbacei e radici di felce, tuttavia Mycena albidoaquosa risulta essere la prima raccolta su aghi (Picea). Inoltre, ad eccezione di M. terena e M. querciphila, i cheilocistidi delle altre specie sono pi¨ o meno fittamente coperti di diverticoli sottili.
M. terena Aronsen & Maas Geest. [1992, 15 (1): 105] si differenzia da M. albidoaquosa per il cappello debolmente solcato con piccola papilla o con umbone ottuso; lamelle in numero massimo di 8; gambo nero in giovani esemplari poi grigio; cheilocistidi subclavati, fusiformi, lageniformi lisci e per la crescita su foglie di Salix sp.
M. querciphila Esteve-Rav. & M. Villarreal (1997, 6: 67) possiede un cappello bianco isabellino o bianco-crema con contenuto crema; spore ellissoidali; cheilocistidi fusoidi, clavati, utriformi, lisci; ife dellĺepicute ed esterne del gambo larghe fino a 20 Ám e crescita su foglie di Quercus ilex.
In conclusione, i caratteri riscontrati in M albidoaquosa giustificano il suo inserimento nella sez. Polyadelphia, in vicinanza di M. terena e M. querciphila.

Exsiccata
MCVE 20834. Leg. G. Robich, 02.10.2001. Monte Fumaiolo, Bagni di Romagna (FO).

Bibliografia
Aronsen A. & R.A. Maas Geesteranus - 1992: Mycena terena, a new member of Section Polyadelphia from Southern Norway. Persoonia, 15 (1): 105-107.
Esteve-Raventˇs F. & M. Villarreal - 1997: Mycena quercophila, a new species of Mycena section Polyadelphia growing on Quercus ilex leaves. Ísterreichische Zeitschrift fŘr Pilzkunde, 6: 67-70.
Grgurinovic C.A. - 1997: Larger Fungi of South Australia: 291-294.
Josserand M. - 1943: Notes critiques sur quelques champignons de la RÚgion Lyonnaise. Bulletin SociÚtÚ Mycologique de France, 59: 16-19.
KŘhner R. - 1938: Le Genre Mycena : 248-265.
Maas Geesteranus R.A. - 1986: Conspectus of the Mycenas of the Northern Hemisphere - 6. Sections Polyadelphia and Saetulipedes. Proc. K. Ned. Akad. Wet. (Ser. C) 89 (2): 159-182.
Maas Geesteranus R.A. & T. Laessoe - 1992: Mycena dasypus, a new member of Section Polyadelphia. Persoonia, 15 (1): 101-103.
Maas Geesteranus R.A. & A.A.R. de Meijer - 1997: Mycenae paranaenses: 49-53.
Malenšon G. & R. Bertault - 1975: Flore des Champignons SupÚrieurs du Maroc. II: 231-234.
MÚtrod G. - 1949: Les MycŔnes de Madagascar. (Prodrome Ó une flore mycologique de Madagascar. III): 31-32.
Moreno G. & M. Heykoop - 2000: Due nuove specie di Mycena della vegetazione mediterranea iberica. Rivista di Micologia, XLIII (4): 303-313.
Reid A.D. - 1996: Mycena truncosalicicola - a new species of Mycena from Britain. Czech Mycology, 48 (4): 261-263.
Robich G. - 2003: Mycena dĺEuropa: 537-563.
Segedin B.P. - 1991: Studies in the Agaricales of New Zealand: some Mycena species in sections Longisetae, Polyadelpha, Rubromarginatae, Galactopoda, Lactipedes, and Calodontes. New Zealand Journal of Botany, 29: 46-47.
Smith A.H. - 1947: North American Species of Mycena: 73-131.

G. Robich, 27.05.2005


post_3_1228337799.jpg




post_3_1228337917.jpg


SOCIETA' VENEZIANA di MICOLOGIA - ERBARIO MICOLOGICO DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VENEZIA




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi