Vai al contenuto


Foto

BRODETO DE MASINETE CO'LA PIERA VIVA


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 29 dicembre 2003 - 10:19

BRODETO DE MASINETE CO'LA PIERA VIVA
(Zuppa di granchiolini ripari con la pietra di mare)

E un piatto da poverelli, fuor di dubbio, e forse per questo e da lungo tempo dimenticato, sebbene tipicissimo ed esclusivo dei pescatori triestini e istriani. Perché solo dei pescatori? Perché gli ingredienti di questo brodeto non si possono né si sono mai potuti reperire nelle pescherie. Se vorrete prepararvelo, sara’ dunque necessario che vi raccogliate da soli, come faceva un tempo la gente che viveva sul mare e del mare, sia le masinete sia la piera viva, cioe’ una di quelle pietre porose, tutte incrostate di alghe e organismi marini diversi, che s'incontrano in abbondanza sui fondali del golfo e in particolare lungo la costiera. Non so quanto vi convenga farlo con i tempi che corrono e 1'inquinamento chimico e batterico sempre in agguato, Se pero vi va di sfidare il destino, o se la zona dove raccogliete le masinete e la piera offre ogni garanzia per quanto attiene la purezza delle acque e dei fondali, allora scoprirete un piatto veramente eccellente e, attualmente, inconsueto. Quanto al timore di raccogliere, assieme alla piera viva, anche qualche organismo velenoso, tranquillizzatevi: nel nostro mare, fatta eccezione per le spine dei ragni e delle scarpene, non c'e’ nulla di velenoso se non cio’ che l'uomo vi versa.

LA RICETTA

una piera viva grossa pressappoco quanto un grosso pompelmo
una decina di masinete vive
mezzo bicchiere di olio d'oliva
due o tre bulbi tritati di aglio selvatico (oppure un trito ottenuto con uno spicchio d'aglio e un pezzetto di cipolla)
un cucchiaio di conserva
una foglia di lauro
un chiodo di garofano
una manciatina di prezzemolo tritato
pepe nero da macinare al momento
fette di pane casereccio, tostate e strofinate con aglio

Rosolate nell'olio l'aglio selvatico (o il trito di aglio e cipolla) sino a che accennerà a imbiondire; aggiungete la conserva, mescolate per qualche istante e allungate con una tazza scarsa di acqua. Quando la salsa ottenuta comincerà a bollire riducete il calore al minimo si che il liquido frema appena, unite la foglia di lauro e il chiodo di garofano, e lasciate sobbollire per una decina di minuti in modo che la salsa si restringa un po', quindi tuffatevi sia le masinete sia la piera viva e, dopo aver coperto il recipiente, lasciate crogiolare - sempre a calore molto moderato - per altri dieci minuti. A questo punto il brodeto sarà pronto: non vi resterà altro da fare che eliminare la piera viva, aggiungere una generosa macinata di pepe e un po' di prezzemolo tritato, e distribuire le masinete e il loro sugo nei piatti. Le masinete non vanno mangiate, naturalmente, ma solo schiacciate e succhiate. In questa pietanza la parte principale e’ affidata al sugo: per apprezzarlo al meglio, fatevi le *sope* con la polenta gialla un po’ soffice oppure con pane casereccio tostato e strofinato con l’aglio.
A questo punto si potra’ ben dire in triestino la tipica frase che si usa qui’ per esaltare i piatti migliori
*No te sa coss’che te magni*
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi