Vai al contenuto


Foto

Agaricus osecanus


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
12 risposte a questa discussione

#1 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 21:45

Se ben ricordo, Antonio ebbe a che fare con questa specie più d'una volta e sembra proprio che sia una specie abbastanza frequente, e che molte volte venga raccolta e scambiata per altri agarici più famosi di nome ma forse meno famosi di fatto.

due foto della raccolta in oggetto

Immagini Allegate

  • Immagine_022.jpg

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#2 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 21:54

Agricus osecanus si riconosce per il portamento abbastanza massiccio ma non enorme "almeno nel caso di questa raccolta", il pileo che si squametta finemente, iù evidentemente verso il terzo esterno, l'anello ampio e con dentellatura nella parte inferiore si da simulare un secondo anello, il gambo bulboso o ingrossato alla base ma non marginato, l'ingiallimento lieve, lento e non uniforme e l'odore grato, leggero di anice con una punta di mandorla, in quanto all'habitat, è stato raccolto al margine di un prato ma alcuni grossi esemplari entravano nel bosco di betulle, nocciiolo e peccio.
Nell'giovane esemplare disteso si nota l'anello che nella sua parte inferiore è tipo "a ruota dentata"

Immagini Allegate

  • Immagine_025.jpg

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#3 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 21:55

un insieme di particolari, evidenziati dall'ingrandimento del fotogramma

Immagini Allegate

  • Senza_titolo_2.jpg

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#4 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 21:57

ho avuto molta difficolta a trovare una porzione di filo lamellare per mettere in evidenza i cheilocistidi fusiformi, in quanto la porzione che ho tenuto per l'essiccata è molto matura, ma qualcosa sono riuscito a fare

Immagini Allegate

  • Capture_00010_copia.jpg

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#5 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 21:59

anche se non è di estrema importanza inserisco anche una micro dei basidi, quasi la totalità di essi è in maggioranza tetrasporico, ma non mancano quelli bisporici

Immagini Allegate

  • Capture_00009.JPG

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#6 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 22:01

le piccole spore, con evidente parete spessa e prominente apicolo

Immagini Allegate

  • Capture_00001.JPG

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#7 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 07 settembre 2004 - 22:04

e per finire, la solita tavola delle misure sporali

p.s.: sono nelle mani di Antonio ;) ... speriamo bene, ricordo ancora le sue perplessità con questo fungo a causa della poca biblio "mi sembra", o sbaglio? ;)

Immagini Allegate

  • Capture_00004_copia.jpg

Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#8 antonio

antonio

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1614 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 08:59

Ciao Marino,
OK ti ricordi bene, al Comitato di Roverè Veronese, feci la scheda di una mia raccolta e facemmo una bella discussione durante la revisione pomeridiana.
La tua foto corrisponde bene, l'aspetto di essere Agaricus osecanus (=Agaricus nivescens =Agaricus nivescens var. parkensis) viene soprattutto dal gambo un poco corto e tozzo, dal poco ingiallimento ed inoltre dalle lamelle con toni rosa più accentuati rispetto ad Agaricus arvensis ed Agaricus urinascens (=Agaricus macrosporus), naturalmente tutto questo è meglio verificarlo al microscopio e quante sorprese con questo Gruppo di Agaricus che vengono nominati quasi sempre Agaricus arvensis.
La difficoltà di trovare cheilo è dovuta anche perchè sono soprattutto globosi, molto corti, tozzi e catenulati, pohi quelli lageniformi e utriformi.
In letteratura esiste anche Agaricus osecanus varietà squarrosipes.
;) Antonio Gennari

#9 propolis

propolis

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 795 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 09:52

.............anche se le spore mostrate mostrano una forma più da arvensis che non osecanoide-nivescentoide---

#10 antonio

antonio

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1614 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 10:52

......... spore un poco piccole per Agaricus arvensis, rientrano più nel range di Agaricus osecanus, certo che quando le differenze sono sottili tutto può essere opinabile.
La parola definitiva passa al guru del forum, che tra l'altro è l'unico che può dire
di averlo raccolto ecc ecc e non virtualmente come noi.
Antonio Gennari

#11 propolis

propolis

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 795 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 10:55

si, ma intendevo la forma (in osecanus sono più arrotonndate), non tanto le dimensioni

ciao

#12 antonio

antonio

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1614 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 11:07

Alfredo avevo capito
ma tutto è sempre opinabile, opinabile.
Antonio Gennari

#13 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31321 messaggi

Inviato 08 settembre 2004 - 12:28

a dire il vero, io go più dubbi che certezze, certo che non è la prima e sicuramente non sarà nemmeno l'ultima volta che ciò succede ;) è proprio questo il gusto, molti dubbi, ma ben confusi :P ;)
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi