Vai al contenuto


Foto

Aceri


  • Per cortesia connettiti per rispondere
30 risposte a questa discussione

#1 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:55

Acer : significa tenace, forte ed è riferito alle qualità che ha il suo legno. Gli aceri sono grandi alberi longevi, se vengono lasciati crescere indisturbati. Se ne trovano diverse specie nella flora spontanea italiana, mentre altre sono coltivate ornamentali.
Si riconoscono soprattutto per le foglie semplici e caduche, palmate-lobate e inserite opposte sui rami
FOTO 1

Immagini Allegate

  • 1.jpg

patrizia
Modena

#2 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:56

e per i frutti, disamare, cioè due samare unite una all’altra, portate dallo stesso peduncolo, ognuna con un seme e una lunga ala divergente simile a un’elica: quando i frutti maturi si staccano e cadono, vorticano nell’aria come le pale di un elicottero, rimanendo sospese per allontanarsi dalla pianta madre. L’angolo di divergenza delle sue samare è un buon carattere, unito agli altri, per identificare le diverse specie di aceri.
FOTO 2

Immagini Allegate

  • 2.jpg

patrizia
Modena

#3 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:57

Acer campestre L., o anche comunemente acero campestre, loppio, oppio, è un albero di piccole dimensioni ( non supera di solito i 15 m) se rapportato agli aceri giganti dei boschi collinari e montani. “Campestre” perché diffuso nei campi e utilizzato , al pari dell’olmo, come tutore per la vite. Cresce un po’ dappertutto, dal livello del mare fino alla fascia delle querce e del castagno spingendosi, dove le condizioni sono favorevoli, ad accompagnare il faggio. Cresce bene sia nei terreni fertili e permeabili che in quelli asfittici argillosi.
Ha tronco ramificato, chioma larga e tondeggiante.
FOTO 3

Immagini Allegate

  • 3.jpg

patrizia
Modena

#4 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:58

Le foglie hanno lamina palmata con base ai bordi arrotondati e margine suddiviso in 5 lobi: i lobi alla base sono piccoli, quello mediano è suddiviso a sua volta all’apice in 3 piccoli lobi
FOTO 4

Immagini Allegate

  • 4.jpg

patrizia
Modena

#5 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:59

Fiorisce in aprile-maggio, contemporaneamente alla comparsa delle foglie. I fiori, piccoli, di colore verde giallognolo sono raccolti in gruppi di 10-20 in infiorescenze a grappoli eretti ( tipo corimbo).
FOTO 5

Immagini Allegate

  • 5.jpg

patrizia
Modena

#6 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 20:59

I frutti sono a gruppi di disamare, con le ali membranacee lunghe 2-4 cm e disposte quasi orizzontalmente.
FOTO 6

Immagini Allegate

  • 6.jpg

patrizia
Modena

#7 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:00

Spesso le disamare sono rossicce
FOTO 7

Immagini Allegate

  • 7.jpg

patrizia
Modena

#8 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:01

Acer monspessulanum L., comunemente detto Acero minore perché ,fra tutti gli aceri spontanei è quello con dimensioni più piccole , arrivando non oltre i 10 m. di altezza. Specie termofila, vive sporadico un po’ in tutt’Italia, nelle basse e medie colline nei versanti più assolati.

I fiori sono gialloverdognoli, in grappoli eretti con un lungo picciolo, e si aprono contemporaneamente alle giovani foglie.
FOTO 8

Immagini Allegate

  • 8.jpg

patrizia
Modena

#9 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:02

Le foglie, anche qui opposte, hanno solo tre grandi lobi con l’ apice ottuso e margini interi; la lamina fogliare è verde lucida superiormente, verde-glauco inferiormente.
FOTO 9

Immagini Allegate

  • 9.jpg

patrizia
Modena

#10 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:02

I frutti sono in grappoli penduli: le disamare hanno ali quasi parallele o formano un angolo acutissimo.
FOTO 10

Immagini Allegate

  • 10.jpg

patrizia
Modena

#11 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:03

Acer pseudoplatanus L. L’acero di Monte o Sicomoro, il più imponente e robusto acero europeo, può raggiungere anche i 35 m. di altezza e ha una chioma globosa e ampia. Vive sulle Alpi e sugli Appennini di tutt’Italia, dalla zona collinare del castagno fino a circa 1700 m., su terreni fertili e ricchi di humus, in condizioni di umidità. Nel mio Appennino è spesso compagno del faggio; veniva piantato vicino alle case coloniche per dare ombra e mantenere al fresco i prodotti caseari.

I fiori giallastro verdognoli sono riuniti in grappoli penduli, allungati che compaiono sui rami dopo le foglie
FOTO 11

Immagini Allegate

  • 11.jpg

Messaggio modificato da patrizia, 15 giugno 2006 - 21:04

patrizia
Modena

#12 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:04

Le foglie , sempre opposte, sono portate da un picciolo rossastro che può raggiungere anche i 25 cm di lunghezza.
FOTO 12

Immagini Allegate

  • 12.jpg

patrizia
Modena

#13 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:05

Sono grandi, 10-15 cm larghe e altrettanto lunghe, con 5 lobi ben marcati, acuminati e a margine seghettato, e i due lobi alla base più piccoli. “Pseudoplatanus” deriva dalla somiglianza delle foglie con quelle del platano
FOTO 13

Immagini Allegate

  • 13.jpg

patrizia
Modena

#14 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:06

FOTO 14 margine finemente seghettato

Immagini Allegate

  • 14.jpg

patrizia
Modena

#15 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:06

I frutti , in grappoli penduli, sono formati da due samare con ali membranacee lunghe 3-6 cm, disposte a formare una V più o meno chiusa
FOTO 15

Immagini Allegate

  • 15.jpg

patrizia
Modena

#16 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:07

Acer platanoides L. , L’Acero riccio, albero maestoso, alto, dalla chioma ampia e ramificata, diffuso allo stato spontaneo nell’Italia Settentrionale e Centrale , cresce sporadico in piccoli gruppi , dal piano fino ai 1300 m, prediligendo le stazioni fresche e umide, frequentemente associato al faggio.
FOTO 16

Immagini Allegate

  • 16.jpg

patrizia
Modena

#17 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:08

“Platanoides” perché, anche qui, le foglie assomigliano a quelle del platano, ma basta guardare la corteccia, fessurata longitudinalmente, scura e persistente, ben diversa da quella desquamante a placche dei platani, per non avere dubbi sul fatto che è un acero…
FOTO 17

Immagini Allegate

  • 17.jpg

patrizia
Modena

#18 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:09

. al massimo può essere confuso con l’Acero di monte, ma le foglie dell’Acero riccio hanno 5 lobi con denti e apici molto acuminati ( A. pseudoplatanus ha margini dentati più finemente e non così acuminati)

FOTO 18

Immagini Allegate

  • 18.jpg

patrizia
Modena

#19 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:09

FOTO 19

Immagini Allegate

  • 19.jpg

patrizia
Modena

#20 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:10

Un altro ottimo elemento di distinzione sono i frutti: nei grappoli di A. platanoides, le due samare sono unite tra loro a formare un angolo quasi piatto (nell’acero di monte formano invece una V più o meno chiusa).
Se ci sono dubbi con le foglie, conviene provare a cercare alla base dell’albero frutti caduti non ancora decomposti.
FOTO 20

Immagini Allegate

  • 20.jpg

patrizia
Modena

#21 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 15 giugno 2006 - 21:12

Acer negundo L. o acero americano. Questa è una specie coltivata e spesso si può trovare inselvatichita. E ‘ di origine nordamericana e il nome specifico riprende il nome indigeno di un albero bengalese con foglie simili (Nurgundi). Differisce da altri aceri per avere foglie sono composte, imparipennate, di 3-5 foglioline ovali dentate. I frutti sono in grappoli fitti: le disamare hanno ali divergenti ad angolo acuto, che rimangono sui rami a lungo dopo la caduta delle foglie.
FOTO 21

Immagini Allegate

  • 21.jpg

patrizia
Modena

#22 patrizia

patrizia

    Utente Avanzato

  • Registrato
  • StellettaStellettaStelletta
  • 2554 messaggi

Inviato 16 giugno 2006 - 20:16

..mi sembra di ricordare, Bruno, che nei boschi dove siamo stati insieme ( Edulo non fare commenti...non eravamo soli!) cresce anche Acer obtusatum...ma non sono sicura .
Se sì, potresti aggiungere qualcosa al post..... :fiffifi:
Ciao
:)
patrizia
Modena

#23 brunoceppo

brunoceppo

    Reporter di Funghi

  • Foto-reporters
  • 22740 messaggi

Inviato 16 giugno 2006 - 20:49

Appena possibile andrò a farmi un giretto,
di solito guardo a terra, farò delle eccezioni.

ciao
Bruno de Ruvo
Teramo-Abruzzo

#24 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31367 messaggi

Inviato 16 giugno 2006 - 22:34

brava patrizia,
un'altra bella lezione sugli alberi, per i soci di muggia, che... ringraziano anticipatamente :fiffifi:

E Vaiiiiiii
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#25 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31367 messaggi

Inviato 16 giugno 2006 - 22:38

quando puoi, il castagno, la betulla e poi, poi... va beh, dai, fai tu! :) :fiffifi: :D
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi