Vai al contenuto


Foto

Psathyrella leucotephra


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
6 risposte a questa discussione

#1 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:55

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)


Basionimo: Agaricus leucotephrus Berk. & Broome, Ann. Mag. nat. Hist., Ser. 4 6: 468 (1870)

Sinonimi: Agaricus leucotephrus Berk. & Broome, Ann. Mag. nat. Hist., Ser. 4 6: 468 (1870).
Drosophila leucotephra (Berk. & Broome) Kühner & Romagn., Fl. Analyt. Champ. Supér. (Paris): 367 (1953).
Hypholoma leucotephrum (Berk. & Broome) Sacc., Syll. fung. (Abellini) 5: 1040 (1887).
Psathyra leucotephra (Berk. & Broome) G. Bertrand [as 'leucotrepha'], Bull. Soc. mycol. Fr. 29: 187 (1913).

Posizione sistematica: Psathyrellaceae, Agaricales, Agaricomycetidae, Agaricomycetes, Basidiomycota, Fungi

Quadro macroscopico della raccolta
Basidiomi di media grandezza, molto fragili, fortemente cespitosi, con lunghi stipiti fascicolati, ornati da un velo parziale membranoso.
Pileo diametro 10-40 (50) mm, all'inizio emisferico, quindi campanulato, infine disteso, con basso umbone ottuso, quasi liscio al disco, nel resto della superficie radialmente ruguloso, ricoperto, in buona parte, da resti di velo fibrillosi, aracnoidi, più evidenti nella porzione marginale. All’inizio biancastro, leggermente ocreceo al disco, presto ocra-grigiastro, infine bruno-nerastro "testa di moro", a causa della intensa sporata, margine intero, leggermente più chiaro, spesso ornato da minuti resti di velo parziale. Igrofano, non striato o solo per trasparenza con il tempo umido.
Lamelle adnate, fitte, in un esemplare adulto abbiamo contato 60 lamelle aderenti allo stipite, inframezzate da 1-3 lamellule, all'inizio biancastre, molto presto grigiastre, infine bruno-nerastre, filo lamellare intero, all’inizio concolore, in seguito leggermente più chiaro.
Stipite 40-120 x 1-2 mm, molto fragile, presto cavo, cilindrico, finemente rigato nella zona apicale sopra il velo, nella zona sottostante fibrilloso, ornato da piccole squamette concolori e resti di velo araneosi. Bianco puro su tutta la superficie.
Velo parziale membranoso, facilmente lacerato e labile, finemente striato nella pagine superiore, di colore bianco. Base bambagiosa, concolore.
Carne esigua con odore e sapore non significativi.

Quadro microscopico della raccolta
Spore (8,14) 8,59-9,71 (10,33) x (4,63) 5,10-5,69 (5,81) x (5,30) 5,67-6,52 (6,61) µm, in media 9,1 x 5,38 x 6,02 µm, Quoziente in proiezione laterale = (1,46) 1,59-1,79 (2,01), Q.m. = 1,69;
Quoziente in proiezione frontale = (1,33 )1,4-1,638 (1,72), Q.m. = 1,52;
Vol. m. Approx.3D = 154,32 µm³, Sigma_Vol. = 12,54 µm³; lisce, faseoliformi in proiezione laterale, trapezoidali in proiezione frontale, a parete spessa fino a 0,5 µm, poro germinativo assente, appendice ilare piccola, evidente nelle spore in vista frontale, brunastre con riflessi rosso cupo in KOH 2%.
Basidi 16,6-23,9 x 7,7-11,9 µm, Q.m. = 2,11, Vol.m. = 969 µm³, clavati, tetrasporici, notati alcuni bisporici.
Cheilocistidi 32,1-43,6 x 9,5-12,3 x 6,1-8,7 µm, in media 37 x 11 x 7,5 µm, utriformi, fittamente disposti lungo il filo lamellare tanto da renderlo sterile, cellule sferopeduncolate assenti.Pleurocistidi assenti.
Trama lamellare formata da cellule inflate, appena leggermente pigmentate.
Velo generale formato da ife confusamente intrecciate, cilindriche, con diametro (2,5) 5,5-13,5 µm, poco settate, ristrette ai setti, con scarsi giunti a fibbia, ialine.
Velo parziale formato da ife subparallele, cilindriche, con diametro 4-13 (17) µm, da poco a fittamente settate, poco o non ristrette ai setti, con numerosi giunti a fibbia, ialine.
Pileipellis di tipo imeniderma, formata da cellule sferopeduncolate, diametro (19) 21-46 (50) µm, ialine. Pileocistidi non osservati.
Caulopellis tipo cutis, formata da ife cilindriche con diametro 3,2-6,2 µm, ialine.
Caulocistidi (30,2) 35,6-61,6 (66,7) x (4,9) 6,4-13,3 (14,4) x 7,5-10,1 µm, in media 50,3 x 10,5 x 8,7 µm, da cilindrico-flessuosi con apice subcapitulato, a cilindrico-clavati, occasionalmente con apice bifido, fino a utriformi o strettamente utriformi, presenti a mazzetti nella parte superiore dello stipite.
Giunti a fibbia presenti in tutti i tessuti del basidioma.

Materiali e Metodi
Lo studio è stato effettuato sia su materiale fresco che secco; quest'ultimo, reidratato in KOH 2%, in Ammoniaca 2% o in acqua a seconda dei casi.
I preparati sono stati osservati usando come mezzo di governo H2O; ove necessario, si è adoperato Rosso Congo Ammoniacale 2% per meglio evidenziare le differenti tipologie cellulari. Il reagente di Melzer è stato utilizzato per l’accertamento di amiloidia o destrinoidia delle spore.
Le misure microscopiche sono state effettuate con il software di calcolo Mycométre gentilmente fornitoci dal Sig. Georges Fannechère e prelevabile a questo indirizzo http://mycolim.free.fr. Le misure sporali si riferiscono a 120 unità, per le rimanenti tipologie cellulari si sono effettuate un minimo di 20 misure a tipologia.
Per le osservazioni dei caratteri macroscopici, in alcuni casi, ci siamo valsi di uno stereo microscopio Optech trinoculare e del supporto di foto macro ad alta risoluzione. Le foto macroscopiche sono state effettuate in habitat, con l’ausilio di una fotocamera Reflex EOS 50D + obiettivo Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM. Le foto relative alla microscopia, sono state eseguite con il corpo macchina della medesima fotocamera, posto sul terzo occhio del trinoculare di un microscopio biologico Optech Biostar B5, supportato da ottiche Plan-APO, illuminazione alogena 12V-50W a luce riflessa, con regolatore di intensità.
Le collezioni d’erbario sono conservate in erbario di A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso.

Dati relativi alla raccolta: N. scheda: 4483. Data di ritrovamento: 18/08/2010. Località: SANTA BARBARA. Comune: MUGGIA (TS). Coordinate geografiche: 45°35'14.19"N 13°46'59.45"E. Altezza slm: 200. Habitat: Bosco di Ostrya carpinifolia, Carpinus orientalis, Quercus pubescens. Determinatore: Zugna M. Legit: Zugna M.

Osservazioni
All'interno del Sottogenere Psathyra, Sezione Spintrigerae, P. leucotephra si fa riconoscere, macroscopicamente, per la sua taglia medio-grande, il suo modo di crescita fortemente cespitoso e la presenza di un anello “quasi”, sempre ben evidente. Microscopicamente per le spore piccole (≤ 11 µm), di forma particolare e prive di poro germinativo.

Bibliografia consultata
Breitenbach J. & Kränzlin F., 1995- Champignons de Suisse. Tome 4. Champignons à lames 2ème partie.
Fouchier F., 1995 – Le Genre Psathyrella – Flore des espécies europeénne et méditerranéennes
Kits van Waveren, E. (1985). The Dutch, French and British species of Psathyrella. Persoonia Supplement 2. 300 pp.
Kits van Waveren, E. (1987). Additions to our monograph on Psathyrella. Persoonia 13(3): 327–368.
Index Fungorum: http://www.indexfungorum.org/Names/Names.asp


leucotephra_01.jpg


leucotephra_02.jpg


leucotephra_03.jpg


leucotephra_04.jpg


leucotephra_05.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#2 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:58

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: pileipellis


leucotephra_06.jpg


leucotephra_07.jpg


leucotephra_08.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#3 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:58

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: velo generale


leucotephra_09.jpg


leucotephra_10.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#4 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:59

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: cheilocistidi


leucotephra_11.jpg


leucotephra_12.jpg


leucotephra_13.jpg


leucotephra_14.jpg


leucotephra_15.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#5 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:59

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: velo parziale


leucotephra_16.jpg


leucotephra_17.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#6 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 14:59

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: spore


leucotephra_18.jpg


leucotephra_19.jpg


leucotephra_20.jpg


leucotephra_21.jpg


leucotephra_22.jpg


leucotephra_23.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#7 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31347 messaggi

Inviato 23 agosto 2010 - 15:00

Psathyrella leucotephra (Berk. & Broome) P.D. Orton [as 'leucotrepha'], Trans. Br. mycol. Soc. 43(2): 180 (1960)

In foto: caulocistidi


leucotephra_24.jpg


leucotephra_25.jpg


leucotephra_26.jpg


leucotephra_27.jpg


leucotephra_28.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi