Vai al contenuto


Foto

Bolbitius coprophilus


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
6 risposte a questa discussione

#1 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 22:45

Su un interessante Bolbitius fimicolo rinvenuto in Croazia: Bolbitius coprophilus

 

Paolo Picciola

Via d’Alviano 86, 34100 Trieste paolo.picciola2@gmail.com

 

Marino Zugna

Località Riostorto 7, 34015 Muggia marinozugna@gmail.com

 

Introduzione

Vengono riportate le caratteristiche macro e microscopiche di una raccolta di Bolbitius coprophilus effettuata nel comune di Pula (Croazia), su stallatico equino. Tale descrizione è corredata da alcune note relative ai confronti con le specie viciniore, nonché la sua ecologia e sistematica.

 

Materiali e Metodi

La descrizione dei caratteri macroscopici è stata ricavata analizzando i basidiomi freschi fotografati in studio con l’ausilio di una fotocamera Reflex EOS 5D. Lo studio microscopico è stato condotto su esemplari freschi. I preparati sono stati osservati usando come mezzo di governo KOH 2%. Ove necessario, si è adoperato Rosso Congo Ammoniacale 2% per meglio evidenziare le differenti tipologie cellulari.

Le misure microscopiche sono state eseguite con il software di calcolo Mycométre gentilmente fornitoci dal Sig. Georges Fannechère e prelevabile a questo indirizzo http://mycolim.free.fr. Le misure sporali si riferiscono a 130 unità, effettuate in proiezione ventrale e 35 unità in proiezione laterale, scartando spore ancora evidentemente immature.

Le misure sottolineate si riferiscono alle medie. Per le rimanenti tipologie cellulari si sono eseguite un minimo di venti misure a tipologia.

Le foto concernenti la microscopia, sono state eseguite con l’ausilio di una fotocamera Reflex EOS 50D, posto sul terzo occhio di un microscopio biologico Optech Biostar B5, supportato da ottiche Plan-APO, illuminazione alogena 12V-50 W a luce riflessa, con regolatore d'intensità.

Per la terminologia riguardante la tipologia delle caratteristiche macro e microscopiche si fa riferimento a Vellinga (1998). La presente raccolta è conservata nell'erbario A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso.

 

TASSONOMIA

 

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

Basionimo: Pluteolus coprophilus Peck, Ann. Rep. Reg. N.Y. St. Mus. 46: 59 (1894) [1893].

Sinonimi: Pluteolus coprophilus Peck, Ann. Rep. Reg. N.Y. St. Mus. 46: 59 (1894) [1893].

Bolbitius demangei (Quél.) Sacc. & D. Sacc., Sylloge Fungorum 17: 74 (1905).

Pluteolus demangei Quél., Comptes Rendus de l´Association Française pour l´Avancement des Sciences 30 (2): 495 (1902).

Bolbitius incarnatus Hongo, Journal of Japanese Botany 33: 42 (1958).

 

Sistematica: Bolbitiaceae, Agaricales, Agaricomycetidae, Agaricomycetes, Agaricomycotina, Basidiomycota, Fungi

 

QUADRO MACROSCOPICO DELLA RACCOLTA

Pileo fino a 40 mm di diametro, alto fino a 25 mm, inizialmente parabolico-glandiforme, poi conico ottuso, con umbone appena accennato o assente; cuticola igrofana, molto vischiosa, liscia, leggermente striata in senso radiale, grigio-brunastra con l’imbibizione.

Lamelle libere, ascendenti, fitte, intercalate da lamellule, lentamente deliquescenti, grigio-ocracee per la maturazione delle spore, filo più chiaro, forforaceo.              

Stipite 70-85 x 7-10 mm, fistoloso, cilindrico o leggermente flessuoso, rastremato all’apice e alla base, superficie con fibrille longitudinali, pruinoso nel terzo superiore, di colore bianco candido.

Carne esigua, bianca, odore pressoché nullo o appena percettibile, sapore non testato.

Sporata rugginosa.

 

QUADRO MICROSCOPICO DELLA RACCOLTA

Spore in proiezione laterale (11,34) 12,18-14,63-14,79 (15,31) x (6,90) 7,42-8,46-8,91 (9,58) µm, Q = (1,4) 1,5-1,66-1,78 (1,8), Vol. = (302) 356-513-603 (702) µm, ellissoidali con parete leggermente appiattita; in proiezione ventrale (11,77) 12,73-13,85-15,18 (16,26) x (8,15) 8,54-9,36-10,02 (10,68) µm Q = (1,3) 1,37-1,50 -1,6 (1,7 Vol. = (438) 500-570-769 (900) µm, da largamente ellissoidali a ovoidi, fino a piriformi, spesso con apice strozzato, lisce, con parete spessa (1,0) 1,1-1,3-2,0 (2,1) µm, marroni rugginose in KOH 2%, poro germinativo largo (1,4) 1,46-1,5-1,9 (2,3) µm, tronco, centrale o un po’ eccentrico; apiculo poco visibile.

Basidi (27,9) 28,4-37,4-39,6 (39,7) x (13,2) 13,3-13,4-16,0 (16,1) µm, Q.m. = 2,37, Vol.m = 3906 µm³, sferopeduncolati, largamente claviformi e con corti sterigmi, tetrasporici.

Subimenio formato da uno strato di 2-3 cellule subisodiametriche.

Trama lamellare regolare.

Pseudoparafisi (21,9) 23,1-27,3 (30,0) x (10,4)11,7-14,4(15,0), inframmezzate da basidi.

Cheilocistidi (22,5) 24,4-33,1-46,4 (76,1) x (6,7) 8,0-10,8-16,7 (25,4) µm, Q.m. = 2,79, Vol.m = 3335 µm³, versiformi, da sublageniformi con collo robusto e flessuoso, a clavati o subcilindrici, apici di pari spessore o leggermente allargati, filo lamellare sterile.

Pleurocistidi (10,1) 31,7-70,3 (78,0) x (24,5) 27,8-44,4 (50,2) µm, apice Q.m. = 1,42, Vol.m = 40393 µm³, cilindrico pedicellati, piuttosto rari, presto collassabili.

Pileipellis formata da un ixoimeniderma ad ife lungamente sferopeduncolate, misuranti (23,3) 30,8-42,6-56,0 (59,2) x (1,9) 2,8-4,8-6,3 (6,7) µm; apice (7,6) 7,7-11,5-11,7 (13,4) µm.

Stipitipellis tipo cutis, formata da ife cilindriche, settate, ialine, con diametro 3,5-14 µm.

Caulocistidi (29,4) 34,2-41,8-68,1 (91,6) x (8,1) 8,3-11,5-16,0 (32,4) µm, nella forma sostanzialmente simili ai cheilocistidi, clavati o subcilindrici, spesso sormontanti una serie concatenata di 1-2 cellule subisodiametriche, apici di pari spessore o leggermente allargati.

Giunti a fibbia non osservati nei tessuti del basidioma da noi investigati.

 

Dati relativi alla raccolta

N. scheda: 7464. Data di ritrovamento: 18/03/2018. Località: Pomer. Comune: Pula (CRO). Coordinate geografiche: 44°49'56.42"N 13°54'19.17"E. Altezza s.l.m.: 6. Habitat: Sterco di cavallo misto a segatura e paglia. Determinatore: Zugna M. Legit: de Martin Paolo. Data inserimento in erbario: 21/03/2018.

 

Osservazioni

Il Genere Bolbitius Fr. appartiene alla famiglia delle Bolbitiaceae Sing. e include specie saprotrofe, crescenti su substrati ricchi di humus, escrementi animali e detriti vegetali, con carpofori fragili, a portamento coprinoide, cuticola vistosamente igrofana, striata o solcata-plissettata; lamelle ascendenti, libere, un po’ deliquescenti; stipite biancastro o raramente rosato; sporata color ruggine, arancione ferruginea. Per quanto concerne l’aspetto microscopico i membri di questo Genere presentano una epicute ixoimeniforme, delle spore lisce, con largo poro germinativo tronco, i basidi separati da numerose cellule larghe e sterili (pseudoparafisi), la trama lamellare regolare, i cheilocistidi mai leticiformi, il pigmento intracellulare e i giunti a fibbia presenti o assenti a seconda delle specie.

Bolbitius coprophilus si distingue per la taglia relativamente grande, la cuticola con sfumature crema-rosate-ocracee nei giovani basidiomi, sempre priva di tinte gialle, la crescita su letame equino.

Si tratta di una specie dai colori molto variabili da raccolta a raccolta ed anche nel corso delle diverse fasi di maturazione. Nello stesso substrato di crescita crescono altre due specie di Bolbitius: B. titubans (Bulliard: Fries) Fries e B. variicolor Atkinson, entrambe contraddistinte da tinte pileiche di colore giallo e pertanto facilmente separabili da Bolbitius coprophilus.

Un’altra specie di Bolbitius caratterizzata dai colori pileici molto chiari e confondibili, in qualche modo, con il taxon qui presentato è Bolbitius lacteus Lange, il quale si caratterizza per le tinte pileiche bianche fin da giovane, le spore più piccole (in media 11,5-12 x 6,6-7 µm), di forma differente e dalla crescita nelle praterie su residui legnosi vegetali a terra.

Bolbitius reticulatus (Pers. :Fr.) Rick è un’altra specie potenzialmente confondibile con B. coprophilus, ma distinguibile da quest’ultima per il cappello fortemente reticolato-venoso, lievemente striato, di colore bruno, bruno grigiastro fino al grigio violaceo, il gambo bianco-grigiastro e la crescita su residui legnosi.

Infine, Bolbitius coprophilus può essere scambiato con Conocybe albipes Hauskn. (= Bolbitius albipes G.H. Otth.), quest’ultimo taxon possiede, tuttavia, un quadro microscopico completamente differente.

 

Bibliografia consultata

AMANDEEP K., N.S. ATRI, K. MUNRUCHI– 2013: Diversity of species of the genus Bolbitius (Bolbitiaceae, Agaricales) collected on dung from Punjab, India. Mycosphere 4(6), 1053–1064, Doi 10.5943/mycosphere/4/6/3.

ARNOLDS E. - 2003b: Notulae ad Floram Agaricinam Neerlandicam – XXXIX. Bolbitius. Persoonia 18 (2): 225-230.

ARNOLDS E – 2005: Bolbitiaceae. In: Flora Agaricina Neerlandica 6, Coprinaceae and Bolbitiaceae (eds ME Noordeloos, TW Kuyper, Vellinga EC). Boca Raton, London, New York, Singapore, Taylor & Francis.

BON M. – 1992: Genre Bolbitius. Documents Mycologiques - Tome XXI - Fascicule 84 – 1/1992

CACIALLI G, V. CAROTI & F. DOVERI -1995: Funghi fimicoli e rari o interessanti del litorale toscano. Schede di Micologia 1. A.M.B. Fondazione Centro Studi Micologici, Vicenza.

CHIARI M., D. DOGALI & V. RESTELLI – 2010: Funghi della Franciacorta (IV contributo). Boll. del Centro Micologico G. Carini. (59): 23-41.

DOVERI F. – 2004: Fungi Fimicoli Italici. A.M.B. - Fondazione Studi Micologici. Vicenza.

ENDERLE M., E. KAJAN & G.J. KRIEGLSTEINER – 1985: Studien in der gattung Bolbitius Fries. Mittelungen Arbeitsgem. Pilzk. Nieder. 3 (1) 5-34.

HAUSKNECHT A. & M. CONTU – 2006: Bolbitius demangei in Italien. Österreichische Zeitschrift für Pilzkunde 15, 7–10.

HAUSKNECHT A. & A. ZUCCHERELLI – 1993: Ritrovamenti interessanti dal ravennate. I parte. Alcune agaricales a spore brune o più scure. Boll. Gruppo micol. G. Bres. 36: 35-57.

INDEX FUNGORUM: http://www.indexfung...Names/Names.asp

LANGE J. E. – 1938; Studies in the agarics of Denmark. Part 12. Hebeloma, Naucoria, Tubaria, Galera, Bolbitius, Pluteolus, Crepidotus, Pseudopaxillus, Paxillus. Additional descriptions and supplementary notes to part 1-11. Dansk Botanisk Arkiv, 9 (6) : 1-112.

MIGLIOZZI V. & M. COCCIA- 1988: Appunti di micoflora mediterranea Bolbitius variicolor Atkinson. Boll. AMER (14): 25-29.

MOSER M. – 1980: Polyporales, Boletales, Agaricales, Russulales. Guida alla Determinazione dei Funghi Vol 1. Arti Grafiche Saturnia, Trento, 564 p.

NARDUCCI R. & P. PETRUCCI – 1994: Alcuni funghi interessanti del territorio lucchese. Riv. Micol. 37: 253-264.

PECORARO L., L. PERRONE & D. LUNGHINI – 2003: Alcuni funghi fimicoli o graminicoli del litorale laziale. Boll. AMER (59): 55-65.

RYMAN S. – 1992: Bolbitius in Nordic Macromycetes 2. Nordsvamp-Copenhagen.

VELLINGA E.C. – 1988: Glossary. In C. Bas, Th. W Kuyper, ME Noordeloos & EC Vellinga (eds.). Flora Agaricina Neerlandica 1: 54-64. A.A. Balkema. Rotterdam

WATLING R. – 1982: Bolbitiaceae: Agrocybe, Bolbitius & Conocybe. British Fungus Flora. Agarics and Boleti. 3. Ed. D. M. Henderson, P. D. Orton & R. Watling, Royal Botanic Garden, Edinburgh, 139 p.

 

 

Bolbitius coprophilus 7464 03.jpg

 

 


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#2 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 22:56

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: pileipellis

 

 

Bolbitius coprophilus 7464 05.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 06.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 07.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 08.JPG


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#3 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 22:58

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: elementi imeniali, cheilocistidi e pseudoparafisi

 

Bolbitius coprophilus 7464 10.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 11.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 12.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 13.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 14.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 15.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 16.JPG

 

 


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#4 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 23:00

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: cheilocistidi pleurocistidi e pseudoparafisi

 

Bolbitius coprophilus 7464 18.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 19.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 20.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 21.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 22.JPG


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#5 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 23:02

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: spore KOH 2%

 

 

Bolbitius coprophilus 7464 24.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 25.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 26.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 27.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 28.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 29.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 30.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 31.JPG

 

 


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#6 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 23:03

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: spore KOH 2%

 

Bolbitius coprophilus 7464 33.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 34.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 35.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 36.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 37.JPG


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#7 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31256 messaggi

Inviato 24 marzo 2018 - 23:04

Bolbitius coprophilus (Peck) Hongo, Mem. Fac. Educ. Shiga Univ., Nat. Sci. 9: 82 (1959)

 

In foto: caulocistidi

 

Bolbitius coprophilus 7464 41.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 42.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 43.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 44.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 45.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 46.JPG

 

Bolbitius coprophilus 7464 47.JPG


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi