Vai al contenuto


Foto

Hebeloma gigaspermum


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
7 risposte a questa discussione

#1 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 18:09

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)


Sinonimi: Hebeloma groegeri Bon, Docums Mycol. 31 (no.123): 27 (2002)

Descrizione della raccolta: “parzialmente desunta dalle fotografie della raccolta e dall'exsiccatum”.
Pileo ě fino a 30 mm, all’inizio convesso in seguito piano-emisferico, con largo umbone ottuso, margine brevemente scanalato lievemente involuto, un po' debordante, filo denticolato; superficie pileica di colore ocra chiaro, crosta di pane al disco, pi¨ chiara verso il bordo, margine biancastro, senza evidenti resti di velo, non viscido, non igrofano, (in exsiccatum evidentemente discolore).
Lamelle sub-ventricose, sinuose, adnate al gambo, distanti, intercalate da lamellule, in giovent¨ biancastre, in seguito ocraceo- rosate , infine marrone-grigiastro, filo lamellare pi¨ chiaro, fortemente crenulato, non notate ne micro gocciole ne macule scure.
Stipite 25-40 x 0,3-0.5-(10) mm, cilindrico, diritto nella parte superiore, anche ricurvo in basso, base da pi¨ o meno dilatata fino a claviforme, pieno, di colore biancastro, poi ocraceo chiaro, ocraceo pi¨ scuro nella parte bassa; pruinoso scagliosetto, ornamentato da piccole squame infere e fioccositÓ biancastre tendenti a colorarsi di ocraceo con l'etÓ.
Carne soda nel giovane, bianca, ocracea negli esemplari maturi, imbrunente nella zona basale e dove morsicata dalle larve; sapore dolciastro, piacevole, quasi caramelloso, anche dopo prolungata masticazione (da exsiccatum), odore non verificato; basidiomi parzialmente e moderatamente annerenti in exsiccatum, in particolar modo al centro del pileo e alla base dello stipite. In exsiccatum i reperti hanno dimostrato una consistenza rigida ma estremamente fragile, vetrificata.

Microscopia.
Spore (12,64) 13,04-14,89 (16,10) x (6,68) 7,30-8,22 (8,53) Ám, in media 13,98 x 7,78 Ám, Q. = (1,4) 1,6-1,9 (2,0), Qm, = 1,8; Vol. = (297,6) 373,9-514,7 (557,8), Vol.m.= 444,2, da amigdaliformi a citriformi, con evidente papilla apicale indestrinoide, sporadicamente subfusiformi in proiezione frontale, fortemente destrinoidi, gialle in ammoniaca, mediamente ornamentate, episporio aderente, in alcuni casi, scollato, parete spessa, apicolo indestrinoide ben pronunciato.
Basidi 32,70-41,9 x 9,9-12,8 Ám, in media 37,3 x 11,1Ám, clavati, spesso con lieve costrizione nella zona mediana, sterigmi lunghi fino a 9 Ám, in maggioranza tetrasporici ma sono numerosi anche quelli bisporici.
Cheilocistidi: lunghezza (26,6) 32,3-62,9 (66,1) Ám, in media 49,0 Ám; apice ě (3,4) 5,0-15,6 (23,7) Ám, in media 8,9 Ám; centro ě (5,1) 5,8-10,1 (12,4) Ám, in media 7,5 Ám; base ě (2,0) 2,8-10,3 (12,2) Ám, in media 5,9 Ám; per la maggior parte di forma cilindrica con testa non allargata, frammisti ai quali si sono notate forme cilindriche con testa da mediamente a fortemente capitulata, altri, da strettamente a largamente clavati, altri ancora lageniformi o fusiformi. Filo lamellare sterile. Nella zona subimeniale si sono notati alcuni pleurocistidi clavati non pi¨ notati nelle zone inferiori; trama lamellare formata da ife cilindriche, ialine.
Pileipellis in ixocute spessa 250 - 300 Ám, formata da ife, disposte disordinatamente ed immerse in un gel, filiformi, cilindriche, ě (1,9) 2,2-3,8 (4,1) Ám, , terminali allargati, ě fino a 5,5 Ám.
Caulopellis formata da ife parallele ě 3,5-6,5 Ám.
Caulocistidi: lunghezza (34,6) 35,6-61,2 (63,2) Ám, in media 47,5 Ám; apice ě (4,3) 4,3-10,1 (10,8) Ám, ě medio 5,9 Ám; centro ě (8,8) 9,4-22,8 (23,3) Ám, ě medio 16,3 Ám; base ě (3,6) 3,7-9,2 (10,0) Ám, in ě medio 5,6 Ám; lageniformi, fusiformi, clavati, riuniti in piccoli mazzetti presenti soltanto all'apice dello stipite.
Giunti a fibbia abbondantemente presenti in tutti i tessuti del basidioma.

Osservazioni.
Premetto che l'odore dei basidiomi freschi non ci Ŕ dato a sapere, in ogni caso, supponendo che esso sia simile a quello dei taxa inseriti nel Sacchariolens group, la raccolta in oggetto dimostra un quadro microscopico alquanto ambiguo, quasi si trattasse di un coagulo di specie raggruppate in un solo taxon.
Interpretando, a grandi linee, la tabella esposta di seguito, abbiamo tenuto conto soprattutto della forma delle spore, della loro misura e della forma dei cheilocistidi (la loro misura risulta determinante solo in un caso), in secondo luogo dell'annerimento nell'exsiccatum, quindi delle esigenze ecologiche e del colore dei basidiomi freschi, siamo arrivati a considerare la nostra determinazione come la pi¨ verosimile..
Ipotizzando, per i nostri basidiomi, un odore non confacente con il gruppo sopra citato e quindi supponendo un'odore rafanoide, o differente (cacao), abbiamo intrapreso anche altre strade determinative.
Una di queste ci ha portato a considerare Hebeloma cremeopallidum (Esteve-Rav. & Heykoop) Esteve-Rav. & Heykoop 1997, giÓ Hebeloma vaccinum var. cremeopallidum Esteve-Rav. & Heykoop, Cryptog 1990, come presunta specie, in quanto, molte caratteristiche si allineavano con quanto da noi osservato nella raccolta in poggetto, se non che, H. cremeopallidum si Ŕ dimostrato essere un sinonimo di H. fusisporum (F. ESTEVE-RAVENTËS, M. HEYKOOP 1998).
Le altre specie, da noi prese in esame, che, per qualche motivo, potevano associarsi alla raccolta, si sono dimostrate differenti o per caratteristiche macroscopiche o microscopiche o, ancora meglio in entrambe le cose.


Taglia_6.jpg


Nota: nel dare il nostro giudizio sul sapore della carne, ci siamo basati sull'assaggio di diverse porzioni di basidioma e della sua carne pileica comprensiva di lamelle, la quale, si Ŕ dimostrata decisamente dolce (evocante un gusto caramelloso, misto a cioccolatoso), anche dopo prolungata masticazione, in ogni caso nulla a che fare con un gusto rafanoide.
Per paragone, abbiamo assaggiato alcune piccole porzioni di carne di H. sinapizans, le quali, hanno manifestato quasi istantaneamente un sapore decisamente rafanoide (richiamante il suo tipico odore), debolmente amaro e leggermente piccantino

Habitat e Raccolte studiate: N. scheda: 3912. Data di ritrovamento: 07/10/2008. LocalitÓ: Magliano di S.Stefano. Comune: Torricella Sicura. Coordinate geografiche: 339; III; TERAMO. Altezza slm: f. 3. Habitat: a terra, in zona molto umida composta prevalentemente da Salix, presente anche Carpinus, Corylus e Quercus, sottobosco formato da forte presenza di Rubus.
Legit: Bruno de Ruvo B. Determinatore: Marino Zugna.

Bibliografia:
BON M., 2002 - ClÚ de determination du genre Hebeloma. Documents mycologiques, Tome XXXI, Fascicule n░123, 3-40.
F. ESTEVE-RAVENTËS, M. HEYKOOP , 1998 - ''Studies on the genus Hebeloma (Cortinariaceae) in the Iberian Peninsula, II. New and final observations on H. Cremeopallidum, a synonym of H. Fusisporum''. Documents Mycologiques (Lille), XXVIII (109-110): 17-19, (1998)
VESTERHOLT J., 2005 - The genus Hebeloma; Fungi of Northern Europe, Vol. 3.

aaa_01.jpg
foto Bruno de Ruvo


aaa_02.jpg
foto Bruno de Ruvo


aaa_03.jpg
foto Bruno de Ruvo


Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#2 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:22

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: pileipellis

Clip_1.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#3 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:25

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: cheilocistidi

rosso congo ammoniacale
Clip_2.jpg

Clip_3.jpg

Clip_4.jpg


KOH 3%
Clip_5.jpg

Clip_6.jpg

Clip_7.jpg

Clip_8.jpg

Clip_9.jpg

Clip_10.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#4 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:26

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: basidi

Clip_11.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#5 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:28

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: spore in Melzer

Clip_12.jpg

Clip_13.jpg


perisporio distaccato )rosso congo ammoniacale)
Clip_14.jpg

perisporio distaccato (melzer)
Clip_15.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#6 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:31

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: spore KOH 3%

Clip_16.jpg



Clip_17.jpg
Clip_18.jpg


Clip_19.jpg
Clip_20.jpg


Clip_21.jpg
Clip_22.jpg


Clip_23.jpg
Clip_24.jpg
Clip_25.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#7 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:32

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: spore, le misure

Clip_26.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso

#8 marinetto

marinetto

    Utente Avanzato

  • Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 31349 messaggi

Inviato 04 gennaio 2009 - 22:33

Hebeloma gigaspermum Gr÷ger & Zschiesch., Z. Mykol. 47(2): 201 (1981)

in foto: caulocistidi

Clip_27.jpg


Clip_28.jpg


Clip_29.jpg
Marino Zugna
A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi